Eventi, Lingua, Stòrias de Comunidadis

PO UNU BILINGUISMU CUMPRIU

PO UNU BILINGUISMU COMPRIU

PRO UNU BILINGUISMU CUMPRIDU

PER UN BILINGUISMO COMPIUTO

a Stòrias de Comunidadis 2018

Il 20 ed il 21 Ottobre 2018 in occasione della seconda edizione di Stòrias de Comunidadis a Villanovaforru e Ussaramanna si avrà modo di continuare l’iniziativa civica PO UNU BILINGUISMU CUMPRIU, avviata lo scorso 25 maggio a Cagliari durante la prima edizione di POITA IN SARDU?, strumento che consentirà ai sardi di rivendicare un proprio diritto tutelato dalla Costituzione e dalle leggi.

L’iniziativa è promossa da Alfa Editrice, Acadèmia de su sardu onlus, Movimento Sardegna Zona Franca, Laras – Suoni e Parole di Sardegna (associazione culturale).

Si è sempre detto che esprimersi nella lingua sarda sia non solo un diritto, ma un dovere civico, un’azione che deve essere civicamente affidata a ciascun sardo, perché serve a ritrovare la propria sardità. È infatti necessario difendere l’identità del popolo sardo e combattere la diaspora imposta dalla distruttiva mentalità attualmente dominante con l’arma invincibile della consapevolezza di sé.

Anche i Comuni di Villanovaforru e Usasramanna aderiscono all’iniziativa: il 20 ed il 21 ottobre, in occasione della seconda edizione di Stòrias de comunidadis, i partecipanti all’evento riceveranno un format, predisposto con la consulenza dell’avv. Francesco Scifo, da compilare, firmare e consegnare agli organizzatori.

I promotori dell’iniziativa, a cui i partecipanti presteranno il consenso e forniranno copia del proprio documento d’identità, si occuperanno d’inviare direttamente l’autocertificazione di sardità a tutte le istituzioni, per affermare che tutti i sardi hanno il diritto-dovere di utilizzare la loro lingua.

Secondo le leggi italiane vigenti, consolidate dalla Giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione, tutte le istituzioni, e quindi anche i Comuni di Villanovaforru e Ussaramanna, una volta ricevuta la richiesta, avranno l’obbligo, giuridicamente tutelato, di rispondere a chi lo ha chiesto, in sardo e in italiano.

Questa semplice richiesta consentirà a tutti i sardi, persino agli abitanti di Villanovaforru e Ussaramanna, di dialogare con la loro lingua con il mondo e di adempiere la missione di salvaguardare l’unità di un popolo che solo la strenua difesa della propria lingua può garantire.

Per informazioni: pounubilinguismucumpriu@gmail.com

PO UNU BILINGUISMU COMPRIU
PRO UNU BILINGUISMU CUMPRIDU
PER UN BILINGUISMO COMPIUTO
in STÒRIAS DE COMUNIDADIS 2018

In is diis de su 20 e 21 de su mesi de ladàmini 2018 in sa segundu editzioni de Stòrias de Comunidadis in Biddanoa de Forru e Ussaramanna eus a sighiri s’atzioni tzìvica PO UNU BILINGUISMU CUMPRIU, cumentzada su 25 de maju de ocannu in Casteddu po sa primu editzioni de POITA IN SARDU?, aina chi at a permiti a is sardus de podit biri arreconnotu unu deretu amparau de sa Costitutzioni e de i leis.

S’atzioni est promòvia de sa domu editora Alfa Editrice, Acadèmia de su Sardu onlus, Movimento Sardegna Zona Franca, Laras – Suoni e parole di Sardegna (assòtziu culturali).

Ant sèmpiri nau ca a fueddai in lìngua sarda no est scéti unu deretu, ma finsas unu dèpidu tzìvicu, un’atzioni chi iat a depi essi de dònnia sardu, poita serbit po torrai a stantargiai sa sardidadi. Difatis est pretzisu a defensai s’identidadi de su pòpulu sardu e batallai contras a su disterru, chi ndi benit de una mentalidadi sballiada chi nosi at dominau, cun d-una faina bincidora po torrai a fai balli sa cuscèntzia nosta matessi.

Finsas is Comunus de Biddanoa de Forru e Ussaramanna pigant parti a custa atzioni: su 20 e su 21 de su mesi de ladàmini, in sa segundu editzioni de Stòrias de Comunidadis, is chi pigant parti a s’atòbiu ant a arriciri unu format, stèrriu cun sa consulèntzia de s’abogau Francesco Scifo, de compilai, firmai e intregai a is organisadoris.

Is promovidoris de s’atzioni, ca is chi pigant parti ant a donai a issus su permissu e ant a intregai còpia de su paperi de identidadi, ant a imbiai inderetura s’autotzertificatzioni de sardidadi a totu is istitutzionis, po fai sciri chi totu is sardus tenint su deretu-dèpidu de imperai sa lìngua insoru.

Cunforma a is leis italianas in efetu, afortiadas de sa Giurisprudèntzia de sa Setzioni Suprema de Cassatzioni, totu is istituztionis, e duncas finsas is Comunus de Biddanoa de Forru e Ussaramanna, una borta arricia sa pedidura, ant a tenni s’òbrigu, giuridicamenti amparau, de torrai sceda a chini ddu at pregontau, in sardu e in italianu.

Custa pedidura simpli at a permiti a totu is sardus, finsas a is chi bivint in Biddanoa de Forru e Ussaramanna, de fueddai in sa lìngua insoru cun su mundu e de assegurai s’atzioni de amparai s’unidadi de unu pòpulu ca sa defensa scéti de sa lìngua sua podit assegurai.

ALFA EDITRICE

Su di ALFA EDITRICE

Fondata a Cagliari nel 1976, ad opera del giornalista e scrittore Gianfranco Pinna, Alfa Editrice diventa fin dai suoi primi esordi l'emblema di riferimento editoriale per l'ampio fermento culturale che, tra fine anni 70 e inizi anni 80, risveglia in gran parte della Sardegna un'articolata spinta indipendentistica che sfocerà poi nella formazione di una classe dirigente, partitica e di governo.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *