Home » Catalogo

Visualizzazione di 1-12 di 25 risultati

Mostra filtri
Chiudi

STORIA DELL’ACQUA IN SARDEGNA

10,00
Biblioteca dell'Identità : Vol. 4 Il quarto volume della Biblioteca dell'identità tratta della gestione, dagli albori della civiltà nuragica sino ai giorni nostri, del bene più prezioso al mondo: l'acqua.
Chiudi

CONTOS E FAULAS

10,00
S'Iscola - Vol. 6 I Contos che S’Iscola pubblica in questo numero sono alcune celebri storie della tradizione popolare, abbastanza note per averle sentite raccontare da sempre o apprese sui banchi di scuola.
Chiudi

CONTOS DE SABIDORIA MEDITERRANEA

10,00
S'Iscola - Vol. 7 Questi otto Contos eprimono l’antica saggezza mediterranea e bene si inseriscono anche nella tradizione sarda che tanta attenzione e cura dedicava ai bambini e alla loro educazione.
Chiudi

PARISTORIAS A SUPRA DE SOS LOGOS DE SARDINNA

10,00
S'Iscola - Vol. 8 Novelle popolari che hanno l’intento di render noti, non solo usi e costumi del nostro popolo ma anche i luoghi e i paesaggi della Sardegna.
Chiudi

PARISTORIAS A SUPRA DE SOS NURAGHES

10,00
S'Iscola - Vol. 9 Questa raccolta di novelle popolari Paristorias a supra de sos nuraghes legate a siti archeologici presenti nel nostro territorio vuol far conoscere un’importante dimensione della civiltà sarda: quella archeologica appunto.
Chiudi

CONTUS AFRICANUS

10,00
S'Iscola - Vol. 10 Questa raccolta di novelle popolari Paristorias a supra de sos nuraghes legate a siti archeologici presenti nel nostro territorio vuol far conoscere un’importante dimensione della civiltà sarda: quella archeologica appunto.
Chiudi

SU PRINTZIPEDDU

12,00
Traduzione in sardo campidanese standard di Stefano Cherchi. Edizione per la scuola con note grammaticali e lessicali e pagine di esercizi in sardo e in italiano. Molti i pregi di questa traduzione: ordito sintattico semplice, naturalezza del lessico, indicazione precisa di differenze fra sinonimi, aggiunta in nota di spiegazioni dell’uso in parole di bassa frequenza, restauro di voci genuine che si contrappongono a italianismi presenti nell’uso comune, precisazioni grammaticali per strutture irregolari nel sistema nominale o verbale, e così via.
Novità
Chiudi

IN DEFENSA DE SA LINGUA MAGGIORITARIA DE SA SARDINIA

GRAMMATICA DE SA LINGUA SARDA

12,00
La passione che l'Autore mette e trasmette nello scrivere emerge fin dalle prime battute e, con animo da vero cagliaritano, avvolge il lettore in una riflessione sul reale problema rela- tivo al trattamento riservato alla lingua maggioritaria sarda parlata da 1.100.000 persone su un totale di 1.600.000.
Chiudi

LE TORRI DI CAGLIARI – IS TURRIS DE CASTEDDU

14,00
Nel volume vengono presentate in modo schematico, e raccolte per la prima volta in un unico volume, ben quindici torri ancora presenti a Cagliari-Casteddu e nei suoi immediati dintorni: dalle più note Torri dell'Elefante e di San Pancrazio a quelle meno conosciute.
Chiudi

LA LINGUA SARDA E L’INSEGNAMENTO A SCUOLA

14,00
La legislazione europea, italiana e sarda a tutela delle minoranze linguistiche L’insegnamento della Lingua sarda nelle scuole di ogni ordine e grado non è più dilazionabile. È questo il messaggio fondamentale che con questo volume lancia Francesco Casula, confortato in questa sua tesi dai circa 40 anni di docenza nei Licei e negli Istituti superiori.
Chiudi

C’ERA UNA VOLTA… LA BANDA. ANTICHE DELIBERAZIONI… E PEZZI D’OPERA.

15,00
La tradizione bandistica della città di Quartu Sant'Elena ha origini lontane e vanta una storia complessa, per certi aspetti tormentata, per altri ricca d'umanità. Chi mai avrebbe potuto ipotizzare o solo immaginare che le tracce della singolare e sorprendente formazione potessero risalire al lontano 1854, anno della costituzione "ufficiale" della banda musicale quartese?
Chiudi

IL SEQUESTRO LOCCI

16,00
Il sequestro del piccolo Luca Locci di appena 7 anni, prelevato dai banditi di fronte alla sua abitazione di Macomer, avvenne mentre giocava con i compagnetti. Era il 24 giugno 1978. Le strade deserte e l’assenza di traffico per l’evento sportivo tanto atteso, la partita di calcio Italia-Brasile, avevano portato la maggior parte dei cittadini a rintanarsi nelle case o nei pubblici locali per assistere a quell’avvenimento, favorendo in questo modo la fuga dei banditi.