Lingua

A.A.A. ESPERTI CERCASI IN LINGUA SARDA SCRITTA, DI UGO DESSY

L’articolo di Ugo Dessy su Sa Republica Sarda di novembre 1982 è un inno alla lingua parlata e alle sue varianti, nel rapporto con una lingua ufficiale, legalizzata da parte del potere.

“Nei rapporti conflittuali tra uomini, o gruppi di essi, esistono necessariamente due lingue diverse in quanto esprimono contenuti diversi. Anche dove esiste apparentemente  una sola lingua, come all’interno di una stessa nazione, in realtà anche lì emergono e si contrappongono due linguaggi diversi: quello del potere, ufficiale, accademico, letterario, tipico dei codici e dei tribunali e dei filosofi;  e quello popolare, spurio, illetterato, volgare, tipico della miseria dei ghetti, della disperazione delle galere.

Così come all’interno di una stessa nazionalità esiste un rapporto conflittuale tra classi egemoni e classi subalterne,  quindi tra lingua colta e lingua volgare, così pure esiste un rapporto del genere tra nazione colonizzatrice e nazione colonizzata, tra lingua civile di quella e lingua barbarica di questa”.

“… Non è sostenendo l’uso della sua lingua che si sostiene il popolo sardo nel suo insieme di caratteri e di esigenze di libertà e di crescita. Una operazione accademica – politica a sostegno della lingua sarda è demagogica nasconde interessi di potere quando non è collegata e contemporanea alla lotta per l’indipendenza, per la liberazione totale della Sardegna….”.

“…L’eventuale riconoscimento- legalizzazione  da parte del potere dell’uso della lingua sarda… può significare anche la modificazione della lingua del popolo in lingua ufficiale, in lingua di potere”.

Leggete l’intero articolo nell’Archivio Storico di Sa Republica Sarda !

ALFA EDITRICE

Su di ALFA EDITRICE

Fondata a Cagliari nel 1976, ad opera del giornalista e scrittore Gianfranco Pinna, Alfa Editrice diventa fin dai suoi primi esordi l'emblema di riferimento editoriale per l'ampio fermento culturale che, tra fine anni 70 e inizi anni 80, risveglia in gran parte della Sardegna un'articolata spinta indipendentistica che sfocerà poi nella formazione di una classe dirigente, partitica e di governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *