SA REPUBLICA SARDA

Sa Republica Sarda – Marzo 2000 – Supplemento

Sommario

  • In ricordo di Craxi
  • Commozione del mondo intero per la morte di Bettino Craxi
  • L’intrigo politico – giudiziario che ha espulso il leader socialista
  • Lettera all’ex presidente del figlio Vittorio Craxi
  • Il ricordo e il saluto di personaggi autorevoli: Marcello Pera (FI), Roberto Castelli (Lega Nord), Nerio Nesi (Rifondazione), Gustavo Selva (An), Margherita Boniver (Psi), Paolo CIrino Pomicino, Armando Cossutta, Marco Taradish, Antonio Girelli (autore della biografia di Craxi), Rino Formica, Francesco Cossiga, Roberto Boiscardini, Claudio Martelli, Gianni De Michelis, Alma Cappiello, Vittorio Sgarbi, Roberto Formigoni, Enzo Lo Giudice, Enrico La Loggia, Domenico Contestabile, Tiziana Maiolo, Antonio Scajola, Alfredo Biondi, Enzo Fragalà, Alberto Simeone e Alfredo Manica, Hassan Abdelharahman, Tiziana Parenti, Giusi La Ganga, Angelo Roich, Emidio Casula, Camillo Ruini, Giannino Guiso, Arnaldo Forlani, Marco Pannella, Enrico Boselli, Carlo Tognoli, Mario Soares, Felipe Gonzales, Maxwell Rabb, Yasser Arafat, Enzo Bettina, Giacomo Mancini, Giulio DI Donato, Enrico Boselli, Carlo Taormina, Nicolazzi, Luciano Violante, Franco Piro, Pierferdinando Casini, Giuseppe Pisanu, Valdo Spini, Il Papa, Gianni Vaget Bozzo, Francesco De Martino, Neil Kinnoch, Marco Boato, Giorgio Rebuffa, Salvo Andò, Giovanni Crema
  • Intervista all’avvocato Giannino Guiso: Craxi ucciso dall’intrigo Politico-Giudiziario
download-pdf-icon

VISUALIZZA / SCARICA

Scaricando il file vi permetterà di leggere un pezzo di storia , un pezzo di quello che è stato.

Devi essere loggato per visualizzare questo contenuto
Nota: Ricordiamo che per visualizzare o scaricare il file è necessario essere loggato. Nel caso in cui non avete gia un account potete registrarvi cliccando il pulsante Il mio account e poi Crea nuovo account
ALFA EDITRICE

Su di ALFA EDITRICE

Fondata a Cagliari nel 1976, ad opera del giornalista e scrittore Gianfranco Pinna, Alfa Editrice diventa fin dai suoi primi esordi l'emblema di riferimento editoriale per l'ampio fermento culturale che, tra fine anni 70 e inizi anni 80, risveglia in gran parte della Sardegna un'articolata spinta indipendentistica che sfocerà poi nella formazione di una classe dirigente, partitica e di governo.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *